Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» VOGLIA DI SPRING BREAK?
Mar 13 Apr 2010 - 11:09 Da jennifer254

» Aggiornamento: marzo 2009
Sab 7 Mar 2009 - 22:25 Da diego

» Diritti d'autore
Dom 1 Mar 2009 - 2:16 Da diego

» Chiudiamo la relazione?
Mer 10 Dic 2008 - 0:51 Da Elisa

» UNA SITUAZIONE RIDICOLMENTE IN STALLO
Mer 12 Nov 2008 - 15:55 Da Elisa

» PROSSIMO INCONTRO
Dom 9 Nov 2008 - 23:17 Da karen

» Borsa di studio per corso di restauro a Ischia
Ven 7 Nov 2008 - 14:37 Da andrea90.t

» L'estate è finita
Mer 24 Set 2008 - 10:46 Da Elisa

» 02/09/2008
Sab 13 Set 2008 - 22:05 Da diego

» 01/09/2008
Mar 2 Set 2008 - 2:44 Da diego

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

27/05/2008

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

27/05/2008

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:52

27/05/2008
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Folkest celebra il suo trentennale

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:53

Un importante programma con Chieftains e Loreena McKennitt tra Friuli e oltreconfine dal 3 luglio
Folkest celebra il suo trentennale
Udione

NOSTRA REDAZIONE

Anche quest'anno Folkest aprirà la regione Friuli Venezia Giulia, ma non solo, alla grande musica da tutto il mondo. Molti i nomi prestigiosi annunciati alla presentazione del festival internazionale di musica folk che per la trentesima edizione intende proporre dal 3 al 28 luglio in tutta la regione, ma anche in Veneto, Istria e Carinzia concerti e avvenimenti di grande spessore: dall'arpista newage Loreena McKennitt (Udine, 12 luglio) alla leggendaria band di folk tradizionale irlandese The Chieftains (Udine, 11 luglio), al cornamusiere della Galizia Hevia (Trieste, 13 luglio) a Carlos Nuñez (Spilimbergo , 27 luglio) per concludersi con il concerto di Noa (Spilimbergo , 28 luglio), gli ospiti internazionali non mancheranno.

Ma, come la nota kermesse ha da sempre abituato il suo pubblico, notevole spazio sarà dedicato alla musica d'autore italiana, con il cantautore veronese Massimo Bubola (Spilimbergo , 25 luglio), uno degli "eroi" del fokstudio romano Edoardo De Angelis (Spilimbergo , 26 luglio), Franco Morone (Spilimbergo , 25 luglio) e molti altri, per tre settimane di musica e cultura.

«La ricchezza culturale che una manifestazione come questa porta da decenni con sé - ha dichiarato il direttore artistico Andrea Del Favero - arricchisce tutto un territorio. In questo trentennale, nella consapevolezza che un sunto di questa lunga attività non sarebbe possibile racchiuderlo in una sola edizione, abbiamo cercato di riportare vecchi amici a suonare di nuovo nell'ambito di Folkest, nomi che da sconosciuti sono diventati noti a livello internazionale come Noa, che si esibirà nella serata finale del festival, ad altri artisti che è stato soprattutto il pubblico a richiederci e che noi con soddisfazione abbiamo riconfermato. Una celebrazione per festeggiare assieme a chi ha fatto la storia di questo festival e al nostro appassionato pubblico».

R.P.
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Folkest, quest'anno escluse le frazioni

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:53

L’EVENTO
Folkest, quest'anno escluse le frazioni
Spilimbergo

Grandi novità per l'edizione 2008 di Folkest, il festival internazionale di musica folk organizzato dalla Edit Eventi e dall'associazione Folkgiornale di Spilimbergo . Tanto per incominciare, la città del mosaico diventa ancora più il cuore pulsante della manifestazione. Ai quattro giorni finali che si sviluppano ogni anno tra corso Roma e piazza Duomo, questa volta si aggiungono altri due appuntamenti.

Il primo, significativo: il primo concerto del giro, il 3 luglio, si svolgerà nel cortile di palazzo di Sopra, in borgo Valbruna. Il secondo: ci sarà una coda alla manifestazione, con un concerto suppletivo il lunedì 28 luglio, con la straordinaria esibizione della cantante israeliana Noa. Una specie di regalo per Spilimbergo , in occasione del trentesimo compleanno di Folkest. Quest'ultimo sarà anche l'unico concerto a pagamento; gli altri saranno tutti gratuiti.

Una nota negativa, invece, riguarda il coinvolgimento del territorio. Saranno infatti solo due le serate nelle frazioni (una a Istrago e una a Gradisca), contro le cinque dell'anno scorso (Istrago, Tauriano, Vacile, Gradisca e Barbeano). I motivi di questa scelta? In qualche modo lo fa capire il sindaco Francesconi, intervenuto ieri mattina alla conferenza stampa di presentazione in municipio: La manifestazione coinvolge le frazioni che hanno saputo recepirne maggiormente lo stimolo. Non tutte, quindi, si sono fatte trovare pronte a cogliere l'occasione della grande rassegna musicale. Molto positivo, invece, il rapporto con i sodalizi e le istituzioni locali, dalla Pro Spilimbergo alle associazioni culturali, dalla biblioteca alla Scuola Mosaicisti del Friuli, che come per il passato ha realizzato, grazie alla maestra Roberta Scherlavai, il mosaico simbolo della manifestazione.

Cla.Ro.
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ricordando la storia coi bersaglieri

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:54

Ricordando la storia coi bersaglieri
SPILIMBERGO -Si è chiusa ieri la mostra Ricordando la storia, allestita in Corte Europa dal gruppo dei Bersaglieri autonomi friulani di Spilimbergo , che proponeva un percorso nella storia e nella memoria dei popoli. La grande affluenza di pubblico ha confermato l'interesse verso l'iniziativa, giunta alla 3. edizione. «Il percorso espositivo - ha spiegato l'organizzatore Andrea Larise - mirava a sottolineare attraverso materiale fotografico, stemmi, divise e cimeli le caratteristiche salienti dei diversi corpi dell'arma, ma principalmente un omaggio alla memoria di Massimo Pavan, collezionista di cimeli storico-militari, prematuramente scomparso».

Eva Basso

studentessa universitaria

a Venezia
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La prima edizione di Folkest

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:54

Spilimbergo
«La prima edizione ...
Spilimbergo

«La prima edizione l'abbiamo organizzata sotto la pioggia, con il palco allestito in mezzo al pantano. Da quella volta è stata costruita una professionalità». Andrea Del Favero, direttore artistico del Folkest, ricorda così con orgoglio e nostalgia le origini della manifestazione. Ricordi ben vivi nella mente, ma piuttosto lontani ormai nel tempo.

Ieri mattina nel municipio di Spilimbergo è stata presentata l'edizione numero 30. Un'edizione speciale. Per l'occasione, infatti, è stato svolto un piccolo sondaggio e sono stati richiamati gli artisti che più erano piaciuti al pubblico nelle passate edizioni. Tra i nomi di spicco: Carlos Nuñez, Edoardo De Angelis, Hevia, Loreena Mc Kennit, Paul Millns, i Chieftains, oltre ad alcuni capisaldi del folk friulano, dalla Sedon Salvadie ai Nutui. E a chiudere la rassegna, il 28 luglio, con un concerto extra nella città del mosaico, sarà l'israeliana Noa, ospite ormai abbonata del Folkest, di cui ha accompagnato la crescita anno dopo anno. Sono 54 i cantanti, musicisti e gruppi provenienti da tutto il mondo, che saliranno sui palchi di tutta la regione e oltre. Tra le 37 località coinvolte, rientrano infatti anche Capodistria e Crevatini in Slovenia e Villach in Carinzia. Tra le novità del 2008, spunta poi anche un talk show: una intervista di una ventina di minuti sul palco, prima dell'inizio dei concerti delle giornate conclusive; a condurli è stata invitata la giornalista televisiva Manuela Moreno.

A rendere l'idea dell'importanza della manifestazione, un solo dettaglio fornito dal responsabile organizzativo Claudio Tolomio: «La campagna promozionale non è ancora incominciata, e già arrivano prenotazioni da Stoccolma, dalla Slovenia e dalla Svizzera». Una grande capacità trainante, dunque, non solo musicale, ma anche turistica. E pure sociale, perché, grazie alle migliaia di persone che richiama, Folkest è diventato partner anche di due importanti realtà della regione come la Fondazione Lucchetta per i bambini vittime della guerra (un concerto è programmato a Trieste proprio per la consegna del premio giornalistico a metà luglio) e la Cooperativa Itaca, che si occupa delle persone con disagio mentale. Il successo della manifestazione? Secondo Del Favero è la forza della provincia: «Le metropoli ha commentato sono un po' alla frutta; il territorio ha invece conservato grande energia e umanità. Non è un caso che, a parte il festival dell'Operetta di Trieste, tutti i grandi eventi del Friuli Venezia Giulia non sono nati nelle grandi città, ma in provincia: a Cividale, a San Daniele, a Gemona, a Casarsa, a Spilimbergo ».

Come tutti i grandi eventi, un ruolo importante hanno gli sponsor: quest'anno, accanto alla Fondazione Crup, figurano il Consorzio Latterie Friulane e le Assicurazioni Generali. Mentre parole di incoraggiamento sono state espresse dai vari esponenti politici intervenuti, tra i quali l'assessore regionale alla Cultura, Roberto Molinaro, che ha sottolineato l'aspetto etico di Folkest, come «punto di incontro tra persone di provenienza diversa, grazie al linguaggio universale della musica».

Claudio Romanzin
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Apertura di credito al nuovo sindaco

Messaggio Da diego il Gio 29 Mag 2008 - 0:55

SPILIMBERGO Ieri sera la prima seduta "operativa" del nuovo consiglio comunale. Solo piccole punzecchiature
Apertura di credito al nuovo sindaco
Le minoranze si sono astenute sulle dichiarazioni programmatiche di Renzo Francesconi
Spilimbergo

Prima vera seduta del consiglio comunale uscito dalle elezioni di metà aprile. Ieri sera i 22 massimi esponenti della città (contando anche l'assessore esterno) si sono riuniti per approvare il programma amministrativo del sindaco Renzo Francesconi. Poteva risolversi in una specie di dialogo tra sordi, come spesso accaduto in passato, dove ognuno dice la sua e poi si vota in base al gruppo di appartenenza. Invece si sono viste situazioni degne di attenzione e alla fine la relazione del sindaco è passata senza neanche un voto contrario: tutti i rappresentanti della minoranza, infatti, hanno scelto la strada dell'astensione. Un po' «per rispetto così ha detto Elzio Fede della lista indipendente Noi per Voi di quel 55\% di cittadini che ha investito il sindaco della responsabilità di governare la cittadina». Un po' come apertura di credito. Significativo in questo senso l'intervento di Armando Zecchinon, del Pd, in assoluto il più votato di tutti i consiglieri: «Diamo atto ha annunciato che ci sono stati segnali di apertura da parte della maggioranza. Dopo tanti anni in cui le minoranze sono state ignorate, ben venga».

Questo non significa però che sia stato tutto rose e fiori. In una serata in cui molti hanno preso la parola (in ordine sparso, dopo il sindaco e Zecchinon: Fabio Martina, Maria Grazia Perrucci, Elzio Fede, Luciano Rebulla, Enrico Sarcinelli, Luchino Laurora, Michel Del Toso, Giovanni Martina Bok, Bernardino Filipuzzi, Marco Dreosto, Roberto Mongiat), non sono mancate le puntualizzazioni. Sempre Zecchinon ha sottolineato l'incongruenza del comportamento della Lega Nord che nella seduta di insediamento si era assentata durante l'esecuzione dell'inno di Mameli («una ferita alle istituzioni e uno sgarbo ai colleghi consiglieri»), l'eccessivo numero di componenti della giunta e la mancanza al suo interno di una componente femminile. Ma le battute salaci hanno coinvolto più che altro la Lega Nord, in quanto gruppo di maggioranza uscente: «Dopo 15 anni abbiamo superato la Lega» ha commentato Giovanni Bok, riferendosi al fatto che la civica Il Tagliamento ha ottenuto il 14\% dei voti contro il 13,5\% del Carroccio; «Dopo 15 anni siamo ancora in maggioranza» gli ha fatto eco Dreosto.

Ma sono stati pizzichi di sale in una riunione dai toni molto pacati e quasi buonisti. E alla fine il voto è stato specchio fedele: sul programma Francesconi, tutte le minoranze hanno concesso l'astensione.

Claudio Romanzin
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 27/05/2008

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum