Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» VOGLIA DI SPRING BREAK?
Mar 13 Apr 2010 - 11:09 Da jennifer254

» Aggiornamento: marzo 2009
Sab 7 Mar 2009 - 22:25 Da diego

» Diritti d'autore
Dom 1 Mar 2009 - 2:16 Da diego

» Chiudiamo la relazione?
Mer 10 Dic 2008 - 0:51 Da Elisa

» UNA SITUAZIONE RIDICOLMENTE IN STALLO
Mer 12 Nov 2008 - 15:55 Da Elisa

» PROSSIMO INCONTRO
Dom 9 Nov 2008 - 23:17 Da karen

» Borsa di studio per corso di restauro a Ischia
Ven 7 Nov 2008 - 14:37 Da andrea90.t

» L'estate è finita
Mer 24 Set 2008 - 10:46 Da Elisa

» 02/09/2008
Sab 13 Set 2008 - 22:05 Da diego

» 01/09/2008
Mar 2 Set 2008 - 2:44 Da diego

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

19/06/2008

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

19/06/2008

Messaggio Da diego il Mar 1 Lug 2008 - 1:56

19/06/2008
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 19/06/2008

Messaggio Da diego il Mar 1 Lug 2008 - 1:56

IN BREVE
SPILIMBERGO

Parrocchia in festa

La parrocchia di San Biagio di Istrago in occasione del suo centenario presenta "Come siamo? Come eravamo?" e invita a rivivere la storia della parrocchia, domani alle 21, in chiesa.

TRAMONTI DI SOPRA
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 19/06/2008

Messaggio Da diego il Mar 1 Lug 2008 - 1:57

SPILIMBERGO Il presidente del consiglio regionale ha rassegnato ieri le dimissioni dall’incarico nell’Ente intermedio. Al suo posto l’assessore alle Frazioni
Provincia, Ballaman lascia. Entra Mongiat
L’esponente del Carroccio non ha ancora accettato formalmente la carica (non è incompatibile), ma solo per "scaramanzia"
Spilimbergo

Ha salutato tutti con una lettera. Edouard Ballaman,infatti, ieri si è dimesso. Ovviamente non dalla carica di presidente del Consiglio regionale, ma da quella di consigliere provinciale. Sulla poltrona lasciata vacante da Ballaman è destinato a sedere Roberto Mongiat, primo dei non eletti nella lista della Lega Nord alle votazioni di quattro anni fa. Il diretto interessato, però, glissa: Scioglierò la riserva dichiara laconico - solo alla vigilia della seduta del consiglio provinciale della prossima settimana (la formalizzazione dell'avvicendamento è all'ordine del giorno della seduta di giovedì 29 giugno). Ma il sua sembra più un atto di scaramanzia che non una incertezza reale. Nato 51 anni fa nella città del mosaico, sposato con due figli, Mongiat è esponente della sezione locale del Carroccio fin dalla sua costituzione, svolgendo compiti di segreteria. Ricopre anche l'incarico di consigliere comunale (uno dei più longevi a Spilimbergo , essendo stato eletto nel 1992 e poi sempre confermato) e di assessore, prima alla Cultura e alle Identità linguistiche, ora alle Frazioni. La duplice veste di assessore comunale e consigliere provinciale, tuttavia, non costituisce motivo di incompatibilità. Fin da giovane, inoltre, è stato attivo nel campo del volontariato, fondatore fin dal 1972 e per molti anni presidente dell'associazione Tutti uniti per un unico scopo di Navarons. Nell'eventualità puramente accademica che Mongiat dovesse rinunciare alla nomina, la mano passerebbe ulteriormente a Sara Marchi, giovane consigliere comunale e dirigente leghista di San Giorgio della Richinvelda, coniugata - per gli amanti del gossip - con Antonio Zavagno, già assessore provinciale all'Ambiente e "disarcionato" dall'incarico proprio dall'attuale dirigenza padana. Ma le dimissioni di Ballaman ("non dimenticherò mai gli anni di consigliere provinciale perchè sono stati veramente carichi di grandi soddisfazioni personali e politiche") cambieranno anche gli assetti interni al gruppo del Carroccio. Il neo presidente del consiglio regionale, infatti, era anche capogruppo in Provincia, incarico che ora passerà nelle mani di Enzo Bortolotti, il battagliero sindaco di Azzano Decimo.
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 19/06/2008

Messaggio Da diego il Mar 1 Lug 2008 - 1:57

Spilimbergo
Ci sono aree della ...
Spilimbergo

Ci sono aree della regione dove anche un diritto fondamentale come la salute non è uguale per tutti. Capita in modo particolare nel territorio della pedemontana spilimberghese e maniaghese, dove alle difficoltà economiche e di comunicazione che già la penalizzano di suo si aggiungono anche carenze nei servizi di base.

«Sono 47 rivela Domenico Mittica, medico, consigliere comunale di Spilimbergo e responsabile sanità del circolo Pd - i comuni classificati come disagiati in tutta la regione, di questi una decina ricadono nel Distretto Nord. Negli anni è diventato sempre più difficile, se non impossibile, reperire medici di base che intendano svolgere la propria attività in questi comuni e tanto meno risiedervi stabilmente. Il basso numero di pazienti non consente loro di avere una retribuzione adeguata, e la mancanza del presidio medico va a incidere ulteriormente sulla qualità della vita dei residenti, che tra l'altro sono per lo più anziani e quindi ancora più bisognosi di un servizio costante».

Una soluzione può venire da una politica di incentivi che modifichi la normativa in vigore: «All'operatore della salute che decide di risiedere in zona disagiata spiega Mittica - firmando con l'Ass un contratto di permanenza per cinque anni, dovrebbe venire corrisposto uno stipendio pari al numero di 1.300 pazienti; così facendo verrebbe garantito al professionista uno stipendio adeguato, e soprattutto al territorio, una presenza costante del medico di base».

Ma affinché questa non resti solo un'ipotesi astratta, il coordinamento del Pd dello spilimberghese si sta attivando insieme ai sindaci del territorio, perché la questione del presidio medico sanitario nei comuni disagiati venga affrontata durante la prossima Conferenza di sindaci del Distretto Nord. La proposta del Pd, in sintonia con alcune delibere già adottate nel 2007 da dieci amministrazioni comunali, è quella di chiedere alla Regione di istituire un dispositivo economico incentivante speciale, per i medici di medicina generale che prestino servizio e risiedano in comuni scarsamente popolati. «È impensabile infatti ipotizzare medici a scavalco fra più comuni, andando a creare cittadini di serie A e cittadini di serie B, a cui non viene assicurato un servizio indispensabile come è quello medico. Il nostro impegno sarà quello di agire in maniera congiunta nei confronti della Regione affinché la proposta venga recepita in tempi celeri evitando ulteriori disagi ai cittadini».

Sulla strategia concorda la collega di centrosinistra, Deborah Del Basso: «Se vogliamo arrivare a una soluzione, e non limitarci a evidenziare le criticità, è arrivato il tempo di agire in modo congiunto e fare fronte comune nei confronti degli enti preposti, proponendo soluzioni concrete e fattibili».

Claudio Romanzin
avatar
diego

Numero di messaggi : 528
Età : 35
Data d'iscrizione : 05.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 19/06/2008

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum